headerphoto
La mission della comunità

 

Come previsto dall’attuale Statuto, la “Casa Benedetta Cambiagio” svolge un’attività educativa, preventiva e riparatoria del disagio, a favore di minori e di giovani maltrattate/i o a rischio di devianza e di donne con figli vittime di violenze o abusi.

 

La comunità rappresenta un servizio socio-educativo che integra o sostituisce temporaneamente la famiglia, offrendo una casa e relazioni educative stabili che consentono di crescere ed elaborare progetti per il futuro.

 

La mission della comunità segue precisi indirizzi:

  • integrare la guida che viene dal passato con la direzione da seguire nel presente;

 

  • offrire ai bisogni del territorio una risposta competente, strutturata e collaborativa;

 

  • operare in una rete di servizi costituita da soggetti istituzionali e non, in un’ottica di “solidarietà diffusa” e di apertura all’esterno.

 

Gli interventi educativi, formativi ed assistenziali adottati tendono a far prendere coscienza ad ogni ospite della propria dignità e del valore inalienabile della persona umana.

 

In particolare la progettualità mira:

  • per i minori, ad affrontare i problemi derivanti da situazioni nelle quali il nucleo familiare é inesistente, impossibilitato o incapace di assolvere il proprio ruolo e a valorizzare le potenzialità e le attitudini individuali per favorire la crescita personale, relazionale e sociale, in vista del raggiungimento di una esistenza autonoma sia lavorativa che familiare;

  • per le maggiorenni, a favorire l’acquisizione dell’autonomia personale, lavorativa ed abitativa, programmando un diverso percorso esistenziale finalizzato ad una completa responsabilizzazione nelle scelte e nei rapporti;

  • per le madri con i figli, ad assicurare, in un luogo protetto e con un accompagnamento affettivo, relazionale ed educativo, un percorso di recupero o di acquisizione di autonomia da parte della donna e della coppia madre/figlio.